NOVITÀ
foto news
acquista
Conc. pf. n. 2/Ballata n. 4/3 Mazurche/ Improptu n.3/Berceuse/Polacca op.53 Freire

foto news
acquista
The art of Gustav Leonhardt Age of Enlightenment/ Frimmer/Wilson/Bonney

foto news
acquista
Seasons and Mid-Seasons Tchakerian/Tonolo

foto news
acquista
Son. pf. D.537, 568, 575, 664, 784, 845, 850, 894, 958-960 Barenboim

foto news
acquista
Studi n. 1-24/Studi sinf. op.13 Lisitsa

foto news
acquista
La grande tradizione europea LPO/RPO/Cons. di Parigi

foto news
acquista
Dances Bach/Chopin/Scriabin/Granados

Dvorak Shostakovich

Quint. pf.

Fossi/Quart. Savinio

copertina album

Dvorak Shostakovich
Quint. pf.
Fossi/Quart. Savinio
2011  Decca
476 4552 DH DDD CD



Autori
Antonin Dvorak (1841-1904)
Dimitri Shostakovich (1906-1975)
BRANI
1 Quint. per pf.: op. 81 in la magg.
   1 Allegro ma non tanto
   2 Dumka (Andante con moto)
   3 Scherzo (Furiant) molto vivace
   4 Finale (Allegro)
40:55     anno: 2011   
Matteo Fossi [pianoforte] - Quartetto Savinio
2 Quint. per pf. in sol min. op.57
   1 Prelude (Lento. poco più mosso. Lento)
   2 Fugue (Adagio)
   3 Scherzo (Allegretto)
   4 Intermezzo (Lento)
   5 Finale (Allegretto)
34:19     anno: 2011   
Matteo Fossi [pianoforte] - Quartetto Savinio
"L'inquieta sismografia espressiva del Quintetto [di Dvorak] è resa, in questa interpretazione, con coinvolgente aderenza. I musicisti del Quartetto Savinio, con il pianista Matteo Fossi, non hanno timore di abbandonarsi, di fingere di perdere il controllo, né per eccesso, né per difetto. Nell'attesa come nella precipitazione. Molto accurata, in questa prospettiva, la costruzione dei finali di primo e ultimo movimento, dove prevale un impeto quasi nietzchiano di danza. La navigazione resta sempre certa, grazie alla calibratura dei piani sonori, nel gioco delle entrate, delle risposte, delle attese. Non c'è una sola voce sovraesposta o sacrificata, nell'ansia di farsi notare o - rischio opposto - nel timore di non farsi sentire. Si realizza così il primo principio, e obbligato, richiesto a chi suona musica da camera: fare un passo indietro, per ascoltarsi meglio. Farlo tutti, tutti insieme, per diventare, ciascuno, protagonista." Sandro Cappelletto, dalle note di copertina
CONDIVIDI QUESTA PAGINA SU: facebook twitter condividi su Google+